BREVE STORIA DELLA CHIESA

Nell’agosto del 1985, dopo una serie di amare esperienze il past. Antonio Stallone ha ricevuto la visita del pastore Gilberto Perri di Reggio Calabria a casa sua appositamente per dirgli da parte di Dio: “Antonio, io non mi muovo facilmente da casa mia, ma sono qui per ricordarti che Dio vuole che tu inizi a Vittoria un’opera nuova libera da sterili schemi e tradizionalismi religiosi in cui lo Spirito Santo potrà muoversi liberamente attraverso la manifestazione del soprannaturale.”

Si è ricordato, infatti, che agli inizi dello stesso anno, quando il past. Stallone si trovava in vacanza con la famiglia a casa del past. Perri, si era tenuta una riunione di preghiera durante la quale un fratello aveva ricevuto da parte di Dio una parola specifica per lui e precisamente: “Non ricordate più le cose passate, non considerate più le cose antiche. Ecco, Io faccio una cosa nuova, essa germoglierà; non la riconoscerete voi? Sì aprirò una strada nel deserto, farò scorrere fiumi nella solitudine.” (Isaia 43:18-19)

Così, scottato dalle precedenti esperienze e in ubbidienza al Padre Celeste, il past. Stallone ha iniziato a tenere riunioni prima a casa sua, poi in una casetta in campagna e dal 1987 a oggi in città, cambiando man mano locale di culto secondo la crescita dei credenti.

Attualmente la chiesa a Vittoria conta più di 500 credenti.

Il past. Stallone serve il Signore insieme a sua moglie Giovanna e alla sua famiglia ed è collaborato da preziosi leaders.

Dopo pochi mesi dall’inizio dell’opera ha conosciuto il past. Lirio Porrello della Chiesa “La Parola della Grazia” di Palermo e si è sottomesso con gioia alla guida del suo ministerio.

Dal mese di Marzo 2007 il past. Stallone ha fatto richiesta di associazione alla CHIESA APOSTOLICA IN ITALIA, fermo restando il suo rapporto di sottomissione al past. Lirio Porrello.

Oltre alla chiesa di Vittoria, il past. Antonio Stallone cura una chiesa nella città di Gela (CL), una cellula a Buccheri (SR) e una cellula a Caltanissetta. La chiesa di Gela è nata da una cellula familiare nel 2003 e attualmente conta circa 150 credenti.

Inoltre, dal 1999 il past. Stallone ha la responsabilità di Comandante Nazionale dei Royal Rangers in Italia. Si tratta di un’attività di scoutismo pentecostale che raggiunge efficacemente bambini e adolescenti da 6 a 17 anni, arricchendo la loro vita di valori morali (amore e rispetto per la natura e per gli animali) e valori spirituali (amore per Dio, per la Sua chiesa e per il prossimo). I Royal Rangers sono nati in America e diffusi in tutto il mondo. Per portare avanti la sua responsabilità a livello nazionale con i Royal Rangers, il past. Antonio è collaborato dalla moglie che coordina tutte le attività di formazione per l’Italia e i rapporti con il coordinatore europeo (attualmente il finlandese Yukka Pirainien).